Dal «Diario» di Guido Morselli: sui confini della forma-romanzo