Sulla dedicatoria della «Tomiri» (1607) di Angelo Ingegneri