L’immagine di Galileo nella Roma dotta