«Il mio posto nel mondo e i doveri che vi attengono»: l’etica antica e il radicamento sociale della virtù