Il testo Strade che divergono della filosofa americana di origine ebrea Judith Butler rappresenta la ricerca di alcuni motivi filosofici, religiosi ed etici dell'ebraicità, che mettono in discussione il progetto colonialista del sionismo. Il confronto è condotto con pensatori come Lévinas, Buber, Benjamin, Arendt, Levi, Said e Darwish e ha delle assonanze con una riflessione anche pedagogica attuale sull'interculturalità e la coabitazione.

Strade che divergono

SECCI, CLAUDIA
2016

Abstract

Il testo Strade che divergono della filosofa americana di origine ebrea Judith Butler rappresenta la ricerca di alcuni motivi filosofici, religiosi ed etici dell'ebraicità, che mettono in discussione il progetto colonialista del sionismo. Il confronto è condotto con pensatori come Lévinas, Buber, Benjamin, Arendt, Levi, Said e Darwish e ha delle assonanze con una riflessione anche pedagogica attuale sull'interculturalità e la coabitazione.
Butler, ebraicità, intercultura
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/145752
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact