Progettato nel 1937 dall’ingegnere triestino Gustavo Pulitzer Finali e realizzato in meno di un anno, il Dopolavoro per gli impiegati costituisce forse l’edificio più autenticamente moderno della piazza centrale di Carbonia, company town d’autore, concepita ed edificata negli anni trenta in seguito alla scoperta dell’imponente giacimento minerario di Serbariu nella Sardegna sud-occidentale. Qui l’arco a tutto sesto del Municipio, adagiato sul lato opposto, cede il passo ad un alto portico architravato a doppia altezza, mentre il pesante bugnato della Chiesa e della Torre Littoria, vengono sostituiti dalla nitidezza e dalla modularità del disegno di facciata, enfatizzati dalla finitura superficiale a intonaco. I disegni e i libretti di cantiere attestano l’esecuzione di un opera assolutamente “autarchica”. La povertà costruttiva dell’impianto murario si contrappone alla modernità della struttura del tetto composta da esili capriate in c.a. a struttura reticolare, prefabbricate a piè d’opera. Con la caduta del regime l’edificio ha subito modifiche sostanziali. Per questa ragione nel 2001 l’amministrazione comunale e il Dipartimento di Architettura dell’Università di Cagliari hanno realizzato un intervento di recupero con approcci diversificati alle problematiche poste dalle nuove esigenze d’uso, dalle condizioni di degrado e modificazione, dalle discrepanze tra il progetto originario, la realizzazione e gli impropri interventi successivi.

Il Dopolavoro di Carbonia. Conservazione, recupero e riuso.

MONNI, GIUSEPPINA;SANNA, ANTONELLO;SANJUST, PAOLO
2015

Abstract

Progettato nel 1937 dall’ingegnere triestino Gustavo Pulitzer Finali e realizzato in meno di un anno, il Dopolavoro per gli impiegati costituisce forse l’edificio più autenticamente moderno della piazza centrale di Carbonia, company town d’autore, concepita ed edificata negli anni trenta in seguito alla scoperta dell’imponente giacimento minerario di Serbariu nella Sardegna sud-occidentale. Qui l’arco a tutto sesto del Municipio, adagiato sul lato opposto, cede il passo ad un alto portico architravato a doppia altezza, mentre il pesante bugnato della Chiesa e della Torre Littoria, vengono sostituiti dalla nitidezza e dalla modularità del disegno di facciata, enfatizzati dalla finitura superficiale a intonaco. I disegni e i libretti di cantiere attestano l’esecuzione di un opera assolutamente “autarchica”. La povertà costruttiva dell’impianto murario si contrappone alla modernità della struttura del tetto composta da esili capriate in c.a. a struttura reticolare, prefabbricate a piè d’opera. Con la caduta del regime l’edificio ha subito modifiche sostanziali. Per questa ragione nel 2001 l’amministrazione comunale e il Dipartimento di Architettura dell’Università di Cagliari hanno realizzato un intervento di recupero con approcci diversificati alle problematiche poste dalle nuove esigenze d’uso, dalle condizioni di degrado e modificazione, dalle discrepanze tra il progetto originario, la realizzazione e gli impropri interventi successivi.
9788891619068
Dopolavoro, Carbonia, Recupero, Riuso, Conservazione, Recupero del Moderno
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
ARTEC 2015.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: versione editoriale
Dimensione 2.29 MB
Formato Adobe PDF
2.29 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/179084
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact