Montaggio come cartografia. Il paesaggio eversivo in The English Patient di Michael Ondaatje