Sulla riconoscibilità statica nello studio e nel restauro di antiche costruzioni