Il paper prende in esame le forme di appropriazione degli spazi pubblici di gioco. L’osservazione partecipata ha inteso soffermarsi sulle pratiche di addomesticamento dello spazio urbano per cogliere la grammatica del fare. Si è cercato di capire come si produce l’appropriazione materiale e simbolica dello spazio, quali azioni e significati si producono negli interstizi tra la sfera privata e la sfera pubblica, su come lo stare nello spazio riconfiguri i luoghi. L’osservazione ha assunto come punto di riferimento la definizione di spazio quale luogo praticato (de Certeau). Si è scelto di focalizzare l’attenzione sugli utilizzatori adulti ed i bambini. Osservare questi ultimi ha significato innanzitutto studiare le pratiche di gioco. Per l’infanzia il gioco è per eccellenza l’apprendimento degli schemi di relazione con il mondo, è la pratica creativa attraverso la quale l’arte del fare si esprime in tutta la sua potenzialità. Osservare il gioco risponde ad una duplice funzione, consente di mettere a fuoco come l’infanzia riconfigura i luoghi attribuendogli significato ed allo stesso tempo narra come l’infanzia entra in relazione con il mondo che la circonda.

"Mamma mi porti fuori?" Spazio pubblico e pratiche di gioco

ESU, AIDE
2010

Abstract

Il paper prende in esame le forme di appropriazione degli spazi pubblici di gioco. L’osservazione partecipata ha inteso soffermarsi sulle pratiche di addomesticamento dello spazio urbano per cogliere la grammatica del fare. Si è cercato di capire come si produce l’appropriazione materiale e simbolica dello spazio, quali azioni e significati si producono negli interstizi tra la sfera privata e la sfera pubblica, su come lo stare nello spazio riconfiguri i luoghi. L’osservazione ha assunto come punto di riferimento la definizione di spazio quale luogo praticato (de Certeau). Si è scelto di focalizzare l’attenzione sugli utilizzatori adulti ed i bambini. Osservare questi ultimi ha significato innanzitutto studiare le pratiche di gioco. Per l’infanzia il gioco è per eccellenza l’apprendimento degli schemi di relazione con il mondo, è la pratica creativa attraverso la quale l’arte del fare si esprime in tutta la sua potenzialità. Osservare il gioco risponde ad una duplice funzione, consente di mettere a fuoco come l’infanzia riconfigura i luoghi attribuendogli significato ed allo stesso tempo narra come l’infanzia entra in relazione con il mondo che la circonda.
978-88-430-5217-2
spazio pubblico; familiarizzazione spazio; gioco e spazio pubblico
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/20781
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact