Note sul “terzo paesaggio”