"Sardo, italiano, europeo": l'identità molteplice