Dall’operato dell’Ing. Giovanni Antonio Carbonazzi, tra i pochi progettisti piemontesi di inizio Ottocento formatisi all’École Polytechnique, emergono oggi nuove informazioni sul trasferimento delle conoscenze tecniche e culturali dall’Oltralpe all’Italia. Nato nel 1792 a Felizzano, Carbonazzi ottenne il titolo di Allievo Ingegnere all’École Polytechnique e si specializzò nel Corpo di Ponts-et- Chaussées, dove rimase fino al rientro a Torino nel 1817. In patria entrò a far parte del Genio Civile, in cui divenne presto punto di riferimento nell’amministrazione centrale dei lavori pubblici. Da personaggio colto e altamente qualificato Carbonazzi impersonò le tensioni ma anche le virtù del fruttuoso ammodernamento delle infrastrutture del Regno, attuate per volontà regia; un compito assunto sempre con grande tenacia e forza tecnica dal respiro internazionale, nella consapevolezza di essere parte dell’epocale rivoluzione internazionale delle infrastrutture. Dal suo archivio emergono appunti, riflessioni e scritti teorici evidentemente debitori della cultura francese, anche se maggiore testimonianza del trasferimento delle tecnologie e conoscenze dalla Francia si registrano, nella sua carriera, nell’applicazione progettuale: Carbonazzi si cimentò con abilità negli ultimi ritrovati tecnici con arditi progetti di strade ferrate, canali navigabili, mulini e bonifiche, fino al progetto delle più tradizionali vie di comunicazione stradale. Soprattutto con il progetto di queste dimostrò di sapersi confrontare con le condizioni locali contribuendo a elevare il livello tecnico generale; ne è esempio l’innovativa operazione di costruzione della Strada Reale Carlo Felice, utile per collegare gli estremi capi dell’isola di Sardegna, i cui disegni d’archivio palesano l’aderenza con les applications a la construction des routes et des ponts, impartite nei cours de costrution parigini.

Cultura francese nel progetto delle infrastrutture di Giovanni Antonio Carbonazzi per il Regno di Sardegna. La Strada Reale da Cagliari a Porto Torres (1822), un bene paesaggistico

Stefano Mais
2018-01-01

Abstract

Dall’operato dell’Ing. Giovanni Antonio Carbonazzi, tra i pochi progettisti piemontesi di inizio Ottocento formatisi all’École Polytechnique, emergono oggi nuove informazioni sul trasferimento delle conoscenze tecniche e culturali dall’Oltralpe all’Italia. Nato nel 1792 a Felizzano, Carbonazzi ottenne il titolo di Allievo Ingegnere all’École Polytechnique e si specializzò nel Corpo di Ponts-et- Chaussées, dove rimase fino al rientro a Torino nel 1817. In patria entrò a far parte del Genio Civile, in cui divenne presto punto di riferimento nell’amministrazione centrale dei lavori pubblici. Da personaggio colto e altamente qualificato Carbonazzi impersonò le tensioni ma anche le virtù del fruttuoso ammodernamento delle infrastrutture del Regno, attuate per volontà regia; un compito assunto sempre con grande tenacia e forza tecnica dal respiro internazionale, nella consapevolezza di essere parte dell’epocale rivoluzione internazionale delle infrastrutture. Dal suo archivio emergono appunti, riflessioni e scritti teorici evidentemente debitori della cultura francese, anche se maggiore testimonianza del trasferimento delle tecnologie e conoscenze dalla Francia si registrano, nella sua carriera, nell’applicazione progettuale: Carbonazzi si cimentò con abilità negli ultimi ritrovati tecnici con arditi progetti di strade ferrate, canali navigabili, mulini e bonifiche, fino al progetto delle più tradizionali vie di comunicazione stradale. Soprattutto con il progetto di queste dimostrò di sapersi confrontare con le condizioni locali contribuendo a elevare il livello tecnico generale; ne è esempio l’innovativa operazione di costruzione della Strada Reale Carlo Felice, utile per collegare gli estremi capi dell’isola di Sardegna, i cui disegni d’archivio palesano l’aderenza con les applications a la construction des routes et des ponts, impartite nei cours de costrution parigini.
9788899930028
Carbonazzi; Francia; Regno di Sardegna; Infrastrutture; Strada Reale; Carlo Felice; Strada; Bene paesaggistico
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
MAIS S., 2017 Cultura francese.pdf

accesso aperto

Tipologia: versione editoriale
Dimensione 670.66 kB
Formato Adobe PDF
670.66 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/233934
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact