Da vicino e da lontano. Prossimità e distanza in due esperienze di migrazione transnazionale