Note sulla traducibilità del gioco di parole in Walter Benjamin