Osservazioni su un carme epigrafico sitifense