Tutta la vita davanti: la classe media come punto di riferimento