In memoria di Giuliano Gramigna: il «bildungsroman» di un lettore di Proust