Postumi, postremi: Manganelli e la circolazione a più editori