L’articolo tratta del vincolo della pregiudiziale sportiva, che obbliga i soggetti ad esaurire prima tutti i gradi della giustizia sportiva e solo a conclusione dei procedimenti interni consente di rivolgersi al giudice dello Stato, sempre che lo stesso abbia giurisdizione. Il lavoro delinea le implicazioni connesse all’ipotesi dell’impugnazione diretta al giudice amministrativo, appunto senza esaurire tutti i gradi della giustizia sportiva, esprimendosi sul previo esperimento della giustizia sportiva quale condizione di procedibilità del ricorso al giudice dello Stato.

Pregiudiziale sportiva e ultimo grado di giustizia sportiva / Tatti S. - :11/12(2014), pp. 633-657.

Pregiudiziale sportiva e ultimo grado di giustizia sportiva

TATTI, STEFANO
2014

Abstract

L’articolo tratta del vincolo della pregiudiziale sportiva, che obbliga i soggetti ad esaurire prima tutti i gradi della giustizia sportiva e solo a conclusione dei procedimenti interni consente di rivolgersi al giudice dello Stato, sempre che lo stesso abbia giurisdizione. Il lavoro delinea le implicazioni connesse all’ipotesi dell’impugnazione diretta al giudice amministrativo, appunto senza esaurire tutti i gradi della giustizia sportiva, esprimendosi sul previo esperimento della giustizia sportiva quale condizione di procedibilità del ricorso al giudice dello Stato.
Pregiudiziale sportiva
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Stefano Tatti - Pregiudiziale sportiva.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: Articolo su rivista
Tipologia: versione editoriale
Dimensione 122.3 kB
Formato Adobe PDF
122.3 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/129544
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact