Il legislatore italiano ha edificato un sistema di previdenza complementare essenzialmente basato su fondi pensione a contribuzione definita. In realtà, alcuni “nuovi” fondi hanno previsto, per i loro iscritti, prestazioni che contemplano la garanzia di un rendimento minimo indipendentemente dalle effettive dinamiche del benchmark di cui il gestore deve replicare (attivamente o passivamente) le performance. L’inserimento di una siffatta garanzia nello schema pensionistico ha vari effetti: in primo luogo essa aumenta il costo della partecipazione al fondo per l’iscritto; conduce, poi, all’esigenza per il fondo di valutare attentamente la garanzia proposta per far pagare solo il prezzo “equo” all’iscritto per non rischiare da un lato di perdere in competitività sul mercato (cosa che avverrebbe nel caso di prezzo sopravvalutato della copertura), dall’altro di non esporsi al rischio di insolvenza (conseguentemente ad una sottovalutazione della garanzia). Le garanzie di minimo rendimento possono atteggiarsi in vario modo; la versione più intuitiva consiste nel riconoscimento all’iscritto di un rendimento minimo annuale; oppure la garanzia può prevedere la restituzione del capitale (che equivale ad una garanzia di tasso nullo); infine la garanzia potrebbe essere collegata a variabili la cui dinamica futura è incerta (come l’inflazione, l’incremento del TFR, ecc.). In questo lavoro si propone uno schema di valutazione molto flessibile che consente di valutare le garanzie sopra accennate in base alle impostazioni della moderna scienza finanziaria ed attuariale utilizzando cioè la strumentazione tecnica tipica delle assicurazioni sociali e la modellistica della moderna finanza matematica. Nell’articolo sono, inoltre, realizzate alcune applicazioni numeriche su casi concreti.

Le garanzie dei fondi pensione: un modello di valutazione

MICOCCI, MARCO
2004

Abstract

Il legislatore italiano ha edificato un sistema di previdenza complementare essenzialmente basato su fondi pensione a contribuzione definita. In realtà, alcuni “nuovi” fondi hanno previsto, per i loro iscritti, prestazioni che contemplano la garanzia di un rendimento minimo indipendentemente dalle effettive dinamiche del benchmark di cui il gestore deve replicare (attivamente o passivamente) le performance. L’inserimento di una siffatta garanzia nello schema pensionistico ha vari effetti: in primo luogo essa aumenta il costo della partecipazione al fondo per l’iscritto; conduce, poi, all’esigenza per il fondo di valutare attentamente la garanzia proposta per far pagare solo il prezzo “equo” all’iscritto per non rischiare da un lato di perdere in competitività sul mercato (cosa che avverrebbe nel caso di prezzo sopravvalutato della copertura), dall’altro di non esporsi al rischio di insolvenza (conseguentemente ad una sottovalutazione della garanzia). Le garanzie di minimo rendimento possono atteggiarsi in vario modo; la versione più intuitiva consiste nel riconoscimento all’iscritto di un rendimento minimo annuale; oppure la garanzia può prevedere la restituzione del capitale (che equivale ad una garanzia di tasso nullo); infine la garanzia potrebbe essere collegata a variabili la cui dinamica futura è incerta (come l’inflazione, l’incremento del TFR, ecc.). In questo lavoro si propone uno schema di valutazione molto flessibile che consente di valutare le garanzie sopra accennate in base alle impostazioni della moderna scienza finanziaria ed attuariale utilizzando cioè la strumentazione tecnica tipica delle assicurazioni sociali e la modellistica della moderna finanza matematica. Nell’articolo sono, inoltre, realizzate alcune applicazioni numeriche su casi concreti.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/13090
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact