La sindrome oculo-cerebro-renale di Lowe (MIM #30900), conosciuta anche come sindrome di Lowe, è una rara patologia multisistemica X-linked caratterizzata da anomalie dell’occhio, del sistema nervoso centrale e dei reni. La sindrome è causata da mutazioni nel gene OCRL che codifica per l’enzima OCRL1 , un membro della famiglia delle inositolo-5-fosfatasi. Il gene, localizzato in posizione Xq25-q26.1, contiene 24 esoni ma la regione codificante include gli esoni dall’1 al 24. Il 95% dei pazienti con sindrome di Lowe presenta mutazioni nel gene (Sugimoto et al., 2014). Da quando è stato identificato il gene-malattia sono state descritte più di 100 mutazioni diverse, soprattutto delezioni, frame-shift e nonsenso, localizzate principalmente in due hot-spot: esoni 10-18 e 19-24. Tuttavia circa il 6% dei pazienti presentano delezioni al 5’ del ge- ne. Qui descriviamo il caso di un bambino di 11 mesi con microcefalia e assottigliamento della sostanza bianca, ritardo nell’acquisizione delle principali tappe dello sviluppo psico-motorio (non mantiene la posizione seduta, non gattona), opacità corneale bilaterale. Inoltre l’ecografia dell’addome ha evidenziato reni con parenchima di spessore ridotto e immagini compatibili con nefrocalcinosi. L’array-CGH, eseguito con piattaforma ISCA 180K, ha rilevato una delezione di circa 877 kb (chrX:127,799,907-128,677,026) che coinvolge i geni SMARCA1 e OCRL. L’analisi FISH ha evidenziato la segregazione materna del riarrangiamento, mostrando la presenza della delezione in mosaico (33% delle metafasi esaminate). L’utilizzo degli array nella diagnostica post-natale ha permesso una chiara e veloce risoluzione del quesito diagnostico, mentre la FISH è stata un utile strumento al fine di valutare i rischi di ricorrenza nell’ambito della consulenza genetica. Per una ulteriore conferma diagnostica è stato effettuato mediante ABIPRISM 3130 il sequenziamento degli esoni e delle regioni introniche fiancheggianti dell’intero gene OCRL (ENSG00000122126, ENST00000371113, NM_000276) che ha mostrato la delezione degli esoni 1 e 2 mantenendo inalterato il resto del gene e mediante PCR è stata inoltre evidenziata la delezione degli esoni 1 e 25 del gene SMARCA1.

Presentazione di un caso clinico con Sindrome di Lowe diagnosticato con array-CGH

ADDIS, MARIA;MELONI, CRISTIANA;
2015

Abstract

La sindrome oculo-cerebro-renale di Lowe (MIM #30900), conosciuta anche come sindrome di Lowe, è una rara patologia multisistemica X-linked caratterizzata da anomalie dell’occhio, del sistema nervoso centrale e dei reni. La sindrome è causata da mutazioni nel gene OCRL che codifica per l’enzima OCRL1 , un membro della famiglia delle inositolo-5-fosfatasi. Il gene, localizzato in posizione Xq25-q26.1, contiene 24 esoni ma la regione codificante include gli esoni dall’1 al 24. Il 95% dei pazienti con sindrome di Lowe presenta mutazioni nel gene (Sugimoto et al., 2014). Da quando è stato identificato il gene-malattia sono state descritte più di 100 mutazioni diverse, soprattutto delezioni, frame-shift e nonsenso, localizzate principalmente in due hot-spot: esoni 10-18 e 19-24. Tuttavia circa il 6% dei pazienti presentano delezioni al 5’ del ge- ne. Qui descriviamo il caso di un bambino di 11 mesi con microcefalia e assottigliamento della sostanza bianca, ritardo nell’acquisizione delle principali tappe dello sviluppo psico-motorio (non mantiene la posizione seduta, non gattona), opacità corneale bilaterale. Inoltre l’ecografia dell’addome ha evidenziato reni con parenchima di spessore ridotto e immagini compatibili con nefrocalcinosi. L’array-CGH, eseguito con piattaforma ISCA 180K, ha rilevato una delezione di circa 877 kb (chrX:127,799,907-128,677,026) che coinvolge i geni SMARCA1 e OCRL. L’analisi FISH ha evidenziato la segregazione materna del riarrangiamento, mostrando la presenza della delezione in mosaico (33% delle metafasi esaminate). L’utilizzo degli array nella diagnostica post-natale ha permesso una chiara e veloce risoluzione del quesito diagnostico, mentre la FISH è stata un utile strumento al fine di valutare i rischi di ricorrenza nell’ambito della consulenza genetica. Per una ulteriore conferma diagnostica è stato effettuato mediante ABIPRISM 3130 il sequenziamento degli esoni e delle regioni introniche fiancheggianti dell’intero gene OCRL (ENSG00000122126, ENST00000371113, NM_000276) che ha mostrato la delezione degli esoni 1 e 2 mantenendo inalterato il resto del gene e mediante PCR è stata inoltre evidenziata la delezione degli esoni 1 e 25 del gene SMARCA1.
Sindrome di Lowe, OCRL1, Array-CGH
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/137357
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact