Su alcuni problemi relativi alla committenza di opere pittoriche a Cagliari alla fine del ‘500 e nella prima metà del ‘600