La decomponibilità delle espressioni idiomatiche