Rito contumaciale: quale equo processo?