The fossil plants of the Domenico Miccolis Collection, stored at the Museo di Storia Naturale of Venice (Italy), are from the Middle Jurassic Genna Selole Formation of central Sardinia. The assemblage contains 11 taxa: Marattia intermedia, Phlebopteris muensteri, P. braunii, Coniopteris sp. cf. C. hymenophylloides, Dicksonia kendallii, Eboracia sp. cf. E. lobifolia, Cladophlebis sp., Weltrichia sp. cf. W. whitbiensis, Geinitzia divaricata, Brachyphyllum expansum and Carpolithes sp. 2. Six species are described for the first time from the Jurassic strata of Sardinia (and Italy), thus increasing the known biodiversity of the flora of this age from these regions. The newly identified taxa have several characters in common with the well-studied Yorkshire flora (UK) indicating strong floristic affinities between southern and western Europe during the Jurassic.

[Novità sulle Flore del Giurassico Medio della Sardegna (Italia) - La Collezione Miccolis presso il Museo di Storia Naturale di Venezia] - In questo lavoro vengono presentati i risultati dello studio sistematico della flora fossile giurassica presente nella Collezione Miccolis, e conservata presso il Museo di Storia Naturale di Venezia. Questa raccolta è costituita da migliaia di pezzi provenienti da tutto il mondo, raccolti personalmente dal proprietario o acquistati presso rivenditori specializzati nel corso degli anni ’70 e ’80 del secolo. Allo scopo di valorizzare questo patrimonio, nel 2007 Miccolis contattò il Museo esprimendo il suo desiderio di donare i suoi reperti affinché fossero studiati ed eventualmente esposti. I reperti erano originariamente in mostra nella sua abitazione, a Quarto d’Altino (VE), su degli scaffali in un ampio scantinato adibito a laboratorio e alcuni di essi erano appesi alle pareti e incorniciati. Valutata l’entità della collezione, i reperti sono stati imballati dal personale del Museo, trasferiti a Venezia nel 2008, e collocati nei depositi di paleontologia. Solo alcuni sono stati rimossi dall’imballaggio, puliti e catalogati per essere esposti nelle sale museali, inaugurate nel 2010. Tra tutti, 21 lastre provengono dallecampagne di Laconi (OR) e Nurallao (CA), nella Sardegna centro-orientale, e sono oggetto di studio. I giacimenti giurassici che contengono piante fossili in Sardegna (Baiociano-Batoniano) si rinvengono nella litofacies di Nurri-Escalaplano appartenente alla Formazione di Genna Selole. Questa è costituita da depositi da silicoclastici a silicoclastici-misto carbonatici di origine da continentale a costiera e nella parte superiore si trovano sedimenti lagunari con influenza di marea, tra cui livelli ricchi a molluschi (Bathonella scotica, Cossmannea eudesii, Naricopsina umbilicata, Natica cf. parthenica, Nerinea bathonica). Lo studio sistematico ha permesso il riconoscimento di 11 taxa. Nella collezione sono presenti strobili sporangiferi di sfenofite; felci marattiali (Marattia intermedia), osmundali (Phlebopteris muensteri, P. braunii), Dicksoniaceae (Coniopteris sp. cf. C. hymenophylloides, Dicksonia kendallii, Eboracia sp. cf. E. lobifolia) e Cladophlebis sp. Solo Weltrichia sp. cf. W. whitbiensis rappresenta le cicadofite mentre per le conifere si segnalano Geinitzia divaricata e Brachyphyllum expansum. Infine sono presenti semi di origine incerta identificati come Carpolithes sp. 2. Tra queste presenti, sei vengono descritte per la prima volta nel Giurassico della Sardegna e dell’Italia. Il confronto con la flora mediogiurassica dello Yorkshire (UK) infine suggerisce una marcata similarità tra le due flore.

New insights into the Middle Jurassic floras of Sardinia (Italy) - The Miccolis Collection at the Museo di Storia Naturale of Venice, Italy

SCANU, GIOVANNI GIUSEPPE;PITTAU, PAOLA;
2016

Abstract

[Novità sulle Flore del Giurassico Medio della Sardegna (Italia) - La Collezione Miccolis presso il Museo di Storia Naturale di Venezia] - In questo lavoro vengono presentati i risultati dello studio sistematico della flora fossile giurassica presente nella Collezione Miccolis, e conservata presso il Museo di Storia Naturale di Venezia. Questa raccolta è costituita da migliaia di pezzi provenienti da tutto il mondo, raccolti personalmente dal proprietario o acquistati presso rivenditori specializzati nel corso degli anni ’70 e ’80 del secolo. Allo scopo di valorizzare questo patrimonio, nel 2007 Miccolis contattò il Museo esprimendo il suo desiderio di donare i suoi reperti affinché fossero studiati ed eventualmente esposti. I reperti erano originariamente in mostra nella sua abitazione, a Quarto d’Altino (VE), su degli scaffali in un ampio scantinato adibito a laboratorio e alcuni di essi erano appesi alle pareti e incorniciati. Valutata l’entità della collezione, i reperti sono stati imballati dal personale del Museo, trasferiti a Venezia nel 2008, e collocati nei depositi di paleontologia. Solo alcuni sono stati rimossi dall’imballaggio, puliti e catalogati per essere esposti nelle sale museali, inaugurate nel 2010. Tra tutti, 21 lastre provengono dallecampagne di Laconi (OR) e Nurallao (CA), nella Sardegna centro-orientale, e sono oggetto di studio. I giacimenti giurassici che contengono piante fossili in Sardegna (Baiociano-Batoniano) si rinvengono nella litofacies di Nurri-Escalaplano appartenente alla Formazione di Genna Selole. Questa è costituita da depositi da silicoclastici a silicoclastici-misto carbonatici di origine da continentale a costiera e nella parte superiore si trovano sedimenti lagunari con influenza di marea, tra cui livelli ricchi a molluschi (Bathonella scotica, Cossmannea eudesii, Naricopsina umbilicata, Natica cf. parthenica, Nerinea bathonica). Lo studio sistematico ha permesso il riconoscimento di 11 taxa. Nella collezione sono presenti strobili sporangiferi di sfenofite; felci marattiali (Marattia intermedia), osmundali (Phlebopteris muensteri, P. braunii), Dicksoniaceae (Coniopteris sp. cf. C. hymenophylloides, Dicksonia kendallii, Eboracia sp. cf. E. lobifolia) e Cladophlebis sp. Solo Weltrichia sp. cf. W. whitbiensis rappresenta le cicadofite mentre per le conifere si segnalano Geinitzia divaricata e Brachyphyllum expansum. Infine sono presenti semi di origine incerta identificati come Carpolithes sp. 2. Tra queste presenti, sei vengono descritte per la prima volta nel Giurassico della Sardegna e dell’Italia. Il confronto con la flora mediogiurassica dello Yorkshire (UK) infine suggerisce una marcata similarità tra le due flore.
The fossil plants of the Domenico Miccolis Collection, stored at the Museo di Storia Naturale of Venice (Italy), are from the Middle Jurassic Genna Selole Formation of central Sardinia. The assemblage contains 11 taxa: Marattia intermedia, Phlebopteris muensteri, P. braunii, Coniopteris sp. cf. C. hymenophylloides, Dicksonia kendallii, Eboracia sp. cf. E. lobifolia, Cladophlebis sp., Weltrichia sp. cf. W. whitbiensis, Geinitzia divaricata, Brachyphyllum expansum and Carpolithes sp. 2. Six species are described for the first time from the Jurassic strata of Sardinia (and Italy), thus increasing the known biodiversity of the flora of this age from these regions. The newly identified taxa have several characters in common with the well-studied Yorkshire flora (UK) indicating strong floristic affinities between southern and western Europe during the Jurassic.
FERNS, DICKSONIA, MARATTIA, EBORACIA, BRACHYPHYLLUM, WELTRICHIA
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
28. Scanu G.G. et al. 2016. Miccolis Venezia Jurassic -BollSPI.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: Articolo principale
Tipologia: versione post-print
Dimensione 2.38 MB
Formato Adobe PDF
2.38 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/152403
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 8
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 5
social impact