A proposito della sardità musicale nell’opera di Ennio Porrino