Sulla prosa ‘silenziosa’ del primo Rilke