Nell'articolo si analizza un tema di pressante attualità. La Corte di cassazione inverte, infatti, un indirizzo interpretativo ormai costante nella giurisprudenza di legittimità. L’instaurazione del giudizio direttissimo nelle ipotesi previste dalle leggi speciali deve rispettare le”forme” e i “termini” previsti dall’art. 449 commi 1, 4 e 5 c.p.p. Tale tipologia di rito speciale, pertanto, non deve intendersi come del tutto anomala rispetto a quella disciplinata dal codice di rito, da cui si distingue solo e soltanto in ordine ai “casi” di accesso, che prescindono dall’esecuzione dell’arresto in flagranza di reato ovvero dalla confessione.

Il giudizio direttissimo atipico: casi, forme e termini

CORTESI, MARIA FRANCESCA
2007

Abstract

Nell'articolo si analizza un tema di pressante attualità. La Corte di cassazione inverte, infatti, un indirizzo interpretativo ormai costante nella giurisprudenza di legittimità. L’instaurazione del giudizio direttissimo nelle ipotesi previste dalle leggi speciali deve rispettare le”forme” e i “termini” previsti dall’art. 449 commi 1, 4 e 5 c.p.p. Tale tipologia di rito speciale, pertanto, non deve intendersi come del tutto anomala rispetto a quella disciplinata dal codice di rito, da cui si distingue solo e soltanto in ordine ai “casi” di accesso, che prescindono dall’esecuzione dell’arresto in flagranza di reato ovvero dalla confessione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/18815
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact