La giurisprudenza piu' recente esclude che una negligenza anche conclamata possa giustificare la condanna in assenza di un nesso causale certo, mostrando di voler travolgere precedenti prassi decisorie consolidate che operavano impropri « travasi di giudizio » tra profilo oggettivo e soggettivo del reato. Diviene perciò importante consolidare l’approdo, individuando quali orientamenti della dottrina portino con sé il rischio di legittimare la condanna dell’innocente proponendo, o non evitando, la confusione dei piani dell’accertamento a favore di uno standard minore di certezza probatoria.

Molta colpa + poca causalità = condanna: crepuscolo di un culto misterico coltivato nell'ombra delle camere di consiglio

MANCA, GIOVANNI
2015

Abstract

La giurisprudenza piu' recente esclude che una negligenza anche conclamata possa giustificare la condanna in assenza di un nesso causale certo, mostrando di voler travolgere precedenti prassi decisorie consolidate che operavano impropri « travasi di giudizio » tra profilo oggettivo e soggettivo del reato. Diviene perciò importante consolidare l’approdo, individuando quali orientamenti della dottrina portino con sé il rischio di legittimare la condanna dell’innocente proponendo, o non evitando, la confusione dei piani dell’accertamento a favore di uno standard minore di certezza probatoria.
Causalità scientifica
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Giovanni Manca 2015.pdf

Solo gestori archivio

Tipologia: versione editoriale
Dimensione 302.58 kB
Formato Adobe PDF
302.58 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/188160
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact