L’autografo della lettera di Galileo a Benedetto Guerrini del 9 maggio 1637