La cassazione ritorna sui criteri da adottare per la qualificazione dei versamenti dei soci