Nel 1956 fu istituito il Progetto Pilota Sardegna che, interessata un’area compresa tra Oristano, Bosa e Macomer, indicativa delle zone del Mediterraneo con possibilità di crescita, intendeva stimolare un programma di sviluppo integrato a livello locale. Esperienza originale e unica, il Progetto, promosso dall’OECE, pose in essere un sistema di relazioni virtuose, una rete di scambi e di rapporti, processi di cooperazione, d’integrazione culturale, d’interconnessione economica e sociale, capaci di valorizzare i “patrimoni” manifesti e d’indurre l’emersione di potenzialità latenti, essenziali per l’attuazione dei processi di sviluppo. Le iniziative intraprese nei quattro anni in cui il Progetto Sardegna fu operativo confermarono le prospettive di una crescita basata sulla valorizzazione delle risorse e dei saperi, espressione di specifiche realtà territoriali, alla cui definizione contribuirono gli studi della sociologa Anna Anfossi e dell’economista Giuseppe Orlando. Proprio l’analisi del Piano di sviluppo tracciato da Orlando — qui proposta in relazione alle problematiche concernenti Bosa e la Planargia — consente di apprezzare il significato e la validità dell’iniziativa, ma anche di rilevare il valore del suo contributo scientifico, ancora oggi espressione di quel complesso e articolato patrimonio culturale che il Progetto Sardegna seppe sviluppare nella sua pur breve esistenza.

Piani di sviluppo locale. Giuseppe Orlando, la Zona pilota e Bosa

DI FELICE, MARIA LUISA
2016

Abstract

Nel 1956 fu istituito il Progetto Pilota Sardegna che, interessata un’area compresa tra Oristano, Bosa e Macomer, indicativa delle zone del Mediterraneo con possibilità di crescita, intendeva stimolare un programma di sviluppo integrato a livello locale. Esperienza originale e unica, il Progetto, promosso dall’OECE, pose in essere un sistema di relazioni virtuose, una rete di scambi e di rapporti, processi di cooperazione, d’integrazione culturale, d’interconnessione economica e sociale, capaci di valorizzare i “patrimoni” manifesti e d’indurre l’emersione di potenzialità latenti, essenziali per l’attuazione dei processi di sviluppo. Le iniziative intraprese nei quattro anni in cui il Progetto Sardegna fu operativo confermarono le prospettive di una crescita basata sulla valorizzazione delle risorse e dei saperi, espressione di specifiche realtà territoriali, alla cui definizione contribuirono gli studi della sociologa Anna Anfossi e dell’economista Giuseppe Orlando. Proprio l’analisi del Piano di sviluppo tracciato da Orlando — qui proposta in relazione alle problematiche concernenti Bosa e la Planargia — consente di apprezzare il significato e la validità dell’iniziativa, ma anche di rilevare il valore del suo contributo scientifico, ancora oggi espressione di quel complesso e articolato patrimonio culturale che il Progetto Sardegna seppe sviluppare nella sua pur breve esistenza.
Giuseppe Orlando; Bosa Sardegna; sviluppo integrato locale; capitale umano
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
MERIDIANA.pdf

non disponibili

Descrizione: articolo principale
Tipologia: versione editoriale
Dimensione 588.82 kB
Formato Adobe PDF
588.82 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/199549
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact