Le nostre società sono attraversate da un vento di catastrofe; crisi economica, cataclismi ambientali, militarizzazione crescente ne rappresentano i fenomeni più appariscenti e mortiferi. Gli umani si dibattono tra depressione, senso d’impotenza, angoscia per un futuro che è divenuto minaccia. Una possibilità di restare vivi si profila oggi nel potenziamento della propria capacità di ‘fare il morto’, quale esercizio di desistenza e renitenza: dire no a quel che il mondo ci presenta come unica forma di libertà e vita e prova ad imporsi come destino ineluttabile.

Fare il morto

EULI, ENRICO
2016

Abstract

Le nostre società sono attraversate da un vento di catastrofe; crisi economica, cataclismi ambientali, militarizzazione crescente ne rappresentano i fenomeni più appariscenti e mortiferi. Gli umani si dibattono tra depressione, senso d’impotenza, angoscia per un futuro che è divenuto minaccia. Una possibilità di restare vivi si profila oggi nel potenziamento della propria capacità di ‘fare il morto’, quale esercizio di desistenza e renitenza: dire no a quel che il mondo ci presenta come unica forma di libertà e vita e prova ad imporsi come destino ineluttabile.
gioco; fare il morto; renitenza
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
medea2.doc

accesso aperto

Tipologia: versione pre-print
Dimensione 85 kB
Formato Microsoft Word
85 kB Microsoft Word Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/200232
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact