Scarpelli e l'aristocrazia giudiziaria