L'articolo commenta l'analisi compiuta da Pierluigi Chiassoni sopra le critiche che Vittorio Villa, muovendo da posizioni vicine a un post-positivismo qualificato come "costruttivista", rivolge ad alcune delle più note concezioni analitiche della metagiurisprudenza, e si conclude con una difesa della distinzione tra le categorie del "descrittivo" e del "prescrittivo".

Descrittivismo ingenuo e concezioni analitiche della metagiurisprudenza

GOMETZ, GIANMARCO
2005

Abstract

L'articolo commenta l'analisi compiuta da Pierluigi Chiassoni sopra le critiche che Vittorio Villa, muovendo da posizioni vicine a un post-positivismo qualificato come "costruttivista", rivolge ad alcune delle più note concezioni analitiche della metagiurisprudenza, e si conclude con una difesa della distinzione tra le categorie del "descrittivo" e del "prescrittivo".
descrittivismo; metagiurisprudenza; divisionismo; Grande Divisione
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/21203
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact