L'autore nella presente nota a sentenza concorda con la Corte di cassazione nel ritenere che l'omessa contabilizzazione del reddito di una operazione di compravendita e la conseguente infedele dichiarazione non possano rientrare nell'ambito applicativo dell'art. 19-bis del d.l. 23 febbraio 1995, n. 41 (che prevede la sanatoria per le violazioni formali), dal momento che comportano un minor debito d'imposta rispetto a quello determinato avendo riguardo al prezzo in realtà stabilito.

Omessa contabilizzazione del prezzo reale di una compra-vendita e imposte sul reddito: un'ipotesi di violazione non formale

PODDIGHE, ANDREA
2005

Abstract

L'autore nella presente nota a sentenza concorda con la Corte di cassazione nel ritenere che l'omessa contabilizzazione del reddito di una operazione di compravendita e la conseguente infedele dichiarazione non possano rientrare nell'ambito applicativo dell'art. 19-bis del d.l. 23 febbraio 1995, n. 41 (che prevede la sanatoria per le violazioni formali), dal momento che comportano un minor debito d'imposta rispetto a quello determinato avendo riguardo al prezzo in realtà stabilito.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11584/22002
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact