Tra storia e storiografia: il documento periferico