Il vocabolario di Maccioni, lingue soggiogate e “anime salve” d’America