Alla periferia del metodo: ‘variazione’ e ‘spazialità’ in geografia linguistica tra definizione epistemica e rappresentazione visiva