La “svolta iconica” della medievistica