Sull’ammissibilità del recesso del cliente nel contratto d’opera intellettuale sottoposto a termine