BACKGROUND: Inattentional blindness is the inability to detect unexpected events occurring in the visual field of an individual. This phenomenon, which became famous after the experiments of Simon and Chabris (1999) on the invisible gorilla, has found little use so far in sport psychology. This study aims to verify whether soccer referees, in comparison to other participants, are more able to notice unexpected events, because they usually have to identify and cope with unexpected situations during matches. METHODS: The experiment involved referees, referees’ observers, and university students. The participants were engaged in an attentional task which could have two levels of complexity: easy and difficult. RESULTS: The results show that referees have a superior capacity to identify unexpected events compared to the other participants. Although the referees were less experienced than referees’ observers, they notice the unexpected event more frequently, regardless of the difficulty level of the task. CONCLUSIONS: Overall, the easier task led to a higher rate of identification of the unexpected event, but further studies are needed to improve the standardization of stimuli.

OBIETTIVO: La cecità da disattenzione consiste nell’incapacità di identificare eventi inattesi, che ricadono all’interno del campo visivo dell’individuo. Il fenomeno, diventato famoso a seguito degli esperimenti di Simon e Chabris (1999) sul gorilla invisibile, ha trovato sinora poche applicazioni nell’ambito della psicologia applicata allo sport. Questo studio ha lo scopo di verificare se gli arbitri di calcio, che durante le gare sono chiamati ad individuare e fronteggiare situazioni inattese, manifestano una cecità da disattenzione in misura minore rispetto ad altri partecipanti. METODI: L’esperimento ha coinvolto arbitri, osservatori arbitrali e studenti universitari che sono stati impegnati in un compito attentivo di diverso livello di difficoltà: facile e difficile. RISULTATI: I risultati evidenziano che gli arbitri hanno una maggiore competenza nell’identificare eventi inaspettati significativamente superiore rispetto al resto dei partecipanti e, pur avendo — rispetto agli osservatori arbitrali — minore esperienza nell’arbitraggio, notano l’evento inatteso con maggiore successo, indipendentemente dal livello di difficoltà del compito. CONCLUSIONI: Il compito di minore difficoltà ha prodotto complessivamente una maggiore identificazione dell’evento inatteso, ma ulteriori studi sono necessari per migliorare la standardizzazione degli stimoli.

The inattentional blindness in soccer referees = La cecità da disattenzione negli arbitri di calcio

Pazzona Riccardo;Guicciardi Marco
;
Murgia Mauro
2018

Abstract

OBIETTIVO: La cecità da disattenzione consiste nell’incapacità di identificare eventi inattesi, che ricadono all’interno del campo visivo dell’individuo. Il fenomeno, diventato famoso a seguito degli esperimenti di Simon e Chabris (1999) sul gorilla invisibile, ha trovato sinora poche applicazioni nell’ambito della psicologia applicata allo sport. Questo studio ha lo scopo di verificare se gli arbitri di calcio, che durante le gare sono chiamati ad individuare e fronteggiare situazioni inattese, manifestano una cecità da disattenzione in misura minore rispetto ad altri partecipanti. METODI: L’esperimento ha coinvolto arbitri, osservatori arbitrali e studenti universitari che sono stati impegnati in un compito attentivo di diverso livello di difficoltà: facile e difficile. RISULTATI: I risultati evidenziano che gli arbitri hanno una maggiore competenza nell’identificare eventi inaspettati significativamente superiore rispetto al resto dei partecipanti e, pur avendo — rispetto agli osservatori arbitrali — minore esperienza nell’arbitraggio, notano l’evento inatteso con maggiore successo, indipendentemente dal livello di difficoltà del compito. CONCLUSIONI: Il compito di minore difficoltà ha prodotto complessivamente una maggiore identificazione dell’evento inatteso, ma ulteriori studi sono necessari per migliorare la standardizzazione degli stimoli.
BACKGROUND: Inattentional blindness is the inability to detect unexpected events occurring in the visual field of an individual. This phenomenon, which became famous after the experiments of Simon and Chabris (1999) on the invisible gorilla, has found little use so far in sport psychology. This study aims to verify whether soccer referees, in comparison to other participants, are more able to notice unexpected events, because they usually have to identify and cope with unexpected situations during matches. METHODS: The experiment involved referees, referees’ observers, and university students. The participants were engaged in an attentional task which could have two levels of complexity: easy and difficult. RESULTS: The results show that referees have a superior capacity to identify unexpected events compared to the other participants. Although the referees were less experienced than referees’ observers, they notice the unexpected event more frequently, regardless of the difficulty level of the task. CONCLUSIONS: Overall, the easier task led to a higher rate of identification of the unexpected event, but further studies are needed to improve the standardization of stimuli.
Attention; Soccer; Decision making
Attenzione; Calcio; Processo decisionale
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
PazzonaGuicciardiMurgia2018.pdf

Solo gestori archivio

Descrizione: Manuscript
Tipologia: versione editoriale
Dimensione 348.75 kB
Formato Adobe PDF
348.75 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/247320
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 2
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 2
social impact