Il topo e l’ostrica: la lunga fortuna di un motivo favolistico