Heidegger e il concetto di negatività. Sulla “presenza” aristotelica in “Essere e tempo”