Sui presupposti funzionali dell’autoconcessione negoziale nella riflessione della giurisprudenza romana classica