The contribution deals with the issue of territorial reorganisation, mainly highlighting three aspects: the need for an interdisciplinary approach stressing that rationalisation is confronted with the reality and on which there is the precedent of Law 142/1990; the choice of instrument to be used (the obligation or the incentive) with the idea that a proper mix of the two could lead to a satisfactory territorial reorganisation; the question of the necessary differentiation between the regulation of functions for municipalities and wide area authorities and the regions and the hypothesis of the creation of macro-regions. All of this in the light of an expressly constitutional issue, namely what the reorganisation of political Italy will look like with the reduction of the number of parliamentarians by one third.

Il contributo affronta il tema del riordino territoriale mettendo in evidenza principalmente tre aspetti: la necessità di un approccio interdisciplinare che renda evidente che la razionalizzazione si confronta con una realtà materiale e sul quale esiste l’incoraggiante precedente della legge 142/1990; la scelta sullo strumento da utilizzare (l’obbligo o l’incentivo) con l’idea che un giusto mix tra i due potrebbe condurre ad un soddisfacente riordino territoriale; l’interrogativo sulla necessaria differenziazione tra disciplina delle funzioni per i comuni e gli enti di area vasta e le Regioni e l’ipotesi della creazione di macroregioni. Il tutto alla luce di un tema espressamente di diritto costituzionale, ossia come sarà la riarticolazione dell’Italia politica con la riduzione di un terzo del numero dei parlamentari.

Analisi territoriale e riordino multilivello

Demuro, Gianmario
2022

Abstract

Il contributo affronta il tema del riordino territoriale mettendo in evidenza principalmente tre aspetti: la necessità di un approccio interdisciplinare che renda evidente che la razionalizzazione si confronta con una realtà materiale e sul quale esiste l’incoraggiante precedente della legge 142/1990; la scelta sullo strumento da utilizzare (l’obbligo o l’incentivo) con l’idea che un giusto mix tra i due potrebbe condurre ad un soddisfacente riordino territoriale; l’interrogativo sulla necessaria differenziazione tra disciplina delle funzioni per i comuni e gli enti di area vasta e le Regioni e l’ipotesi della creazione di macroregioni. Il tutto alla luce di un tema espressamente di diritto costituzionale, ossia come sarà la riarticolazione dell’Italia politica con la riduzione di un terzo del numero dei parlamentari.
The contribution deals with the issue of territorial reorganisation, mainly highlighting three aspects: the need for an interdisciplinary approach stressing that rationalisation is confronted with the reality and on which there is the precedent of Law 142/1990; the choice of instrument to be used (the obligation or the incentive) with the idea that a proper mix of the two could lead to a satisfactory territorial reorganisation; the question of the necessary differentiation between the regulation of functions for municipalities and wide area authorities and the regions and the hypothesis of the creation of macro-regions. All of this in the light of an expressly constitutional issue, namely what the reorganisation of political Italy will look like with the reduction of the number of parliamentarians by one third.
Territorial reorganisation; local authorities; municipalities; provinces; regions
Riordino territoriali; enti locali; comuni; province; regioni
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
01082022004349.pdf

accesso aperto

Tipologia: versione editoriale
Dimensione 613.83 kB
Formato Adobe PDF
613.83 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11584/342775
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact