La mente e gli artefatti tecnologici: un caso di studio