Sulla pretesa autonomia della convenzione arbitrale e sulla sua circolazione