Commento a Cass. 6 febbraio 1999, n. 1041