L’eventus damni quale presupposto per il vittorioso esercizio dell’azione surrogatoria